Cascata Varone: il lago di Garda che non ti aspetti

Come in tutte le vacanze, soprattutto quelle on the road, ci sono gli imprevisti. Quando siamo stati sul Lago di Garda il giorno che dovevamo andare sul Monte Baldo in funivia c’era brutto tempo così abbiamo dovuto fare un rapido cambio di programma. Il nostro amico Marco ci ha suggerito di andare a vedere il Parco Grotta Cascata Varone, vicino Peschiera del Garda. Abbiamo ascoltato il suo suggerimento ed abbiamo fatto bene, abbiamo visto uno spettacolo della natura favoloso! E sono qui per raccontarvelo.


lago di Garda - cascata Varone

Cascata Varone: prezzi e parcheggio

Per gli orari d’apertura ed i prezzi alla Cascata Varone vi consiglio di visitare il loro sito qui, sarà molto esaustivo.

Abbiamo parcheggiato vicino all’entrata, ed il consiglio che mi sento di darvi è: cercate di parcheggiare la macchina in retro, sarà più facile uscire. Andrea ha dovuto fare 1000 manovre per uscire dal parcheggio…

Prima di entrare ci siamo presi un caffè ed un gelato al bar; avevamo fatto un po’ di strada in macchina e serviva un premio per Marco ed Alessio.

Visita alla Cascata Varone

Mi raccomando, anche se ci sono 40 gradi portatevi un giubbino, una felpa, un k-way, insomma quello che vi pare per ripararvi, ne avrete bisogno. Appena si varca l’ingresso si sente già un calo della temperatura! A quel punto sarà già troppo tardi.

Il sentiero per arrivare alla cascata è leggermente in salita, niente di che ve lo assicuro. Quello che stupisce è la cura dei giardini con fiori di ogni tipo tutti colorati e stupendi. Non si sa da che parte guardare, è uno spettacolo!

A questo punto si arriva al primo punto di osservazione della cascata Varone. Si entra in una galleria e si viene accolti da acqua vaporizzata, aria fresca e un rumore assordante! Lo spettacolo della potenza con cui l’acqua fa il salto è incredibile! Marco era contentissimo, Alessio decisamente di meno.

Una volta usciti bisogna continuare sul percorso e si sale per vedere la cascata Varone da un punto di osservazione più in alto. Qui si cammina dentro la gola su di una passerella fino ad arrivare vicinissimi alla cascata. A guardare giù vien un po’ il coccolone, non fatelo se soffrite di vertigini!

A questo punto della gita avrete salutato per sempre la vostra messa in piega ma anche il caldo! Ovviamente noi abbiamo dovuto fare 2 giri perché a Marco piaceva troppo la cascata. Se volete fare un piccolo break c’è una zona con dei tavolini circa a metà tra il primo ed il secondo punto di osservazione della cascata Varone.

Finito il giro non vi resta che uscire, ammirando però la grande quantità di piante e fiori che ci sono nei terrazzamenti.

Insomma, a noi il Parco Grotta Cascata Varone è piaciuto davvero molto (forse Alessio potrebbe non essere d’accordo) e ve lo consigliamo se vi trovate dalle parti di Peschiera del Garda.

 

Consigli autism friendly

Ne ho 2:

  1. Tenete conto che i punti di osservazione sono in alto e dovete essere sicuri che vostro figlio/a vi ascolti
  2. C’è un frastuono non indifferente, potete pensare di mettere degli otoprotettori se c’è una particolare sensibilità ai rumori

Per il resto, buon divertimento!

lago di Garda - cascata Varone

Informazioni su unafamigliablu

Donna, moglie e mamma piena di (non sempre) brillanti idee che propongo con entusiasmo a tutta la famiglia. Testarda, caparbia e inguaribile ottimista, credo davvero che ci sia sempre un lato positivo in tutto quello che ci succede e cerco sempre di trasformare le difficoltà in opportunità di crescita.
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Un commento

  1. Pingback:Lago di Garda con i bambini: la nostra vacanza on the road - Una famiglia blu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *