Cosa ho imparato durante questa quarantena

Ormai siamo a casa da un bel po’, c’è chi si è fermato del tutto (come me) e chi invece non ha smesso mai di lavorare, facendo anzi turni e ore in più del solito (mio marito). Il risultato è una famiglia a casa, un po’ esaurita e un po’ stanca, ma di certo non abbattuta. In questo post vi scrivo le mie riflessioni di questo periodo, ovvero cosa ho imparato  in questa quarantena, perché in ogni situazione c’è sempre qualcosa da fare proprio e io ho preso questo periodo per riflettere.

Il tempo non basta mai

Nonostante non stia lavorando, mi sono accorta di arrivare a sera con ancora un sacco di cose da fare perché non ero riuscita a trovare il tempo di svolgerle durante il giorno. Incredibile direte voi! Eppure… allora mi sono fermata a ragionare sulla mia giornata: compiti da far svolgere, spiegare lezioni, preparare pasti sani, pensare a giochi per intrattenere i bambini, fare liste per una spesa che duri più di una settimana, provare a tenere in ordine la casa. In più sto preparando gli ultimi esami e cerco di formarmi per il blog… ah, dovrei fare un po’ di workout. Ecco perché non riesco a fare tutto: la mia giornata è davvero troppo piena!

Quando giocano i bambini dicono cose incredibili

Durante questo periodo in casa ho sicuramente più tempo da passare insieme a Marco e Alessio, e ho molte più occasioni di ascoltarli mentre giocano. Potrei stare tutto il giorno ad origliare fuori dalla loro stanza perché quello che si inventano e come giocano è un qualcosa di meraviglioso! Mi vengono le lacrime al pensiero che Marco non sapesse cosa fosse il gioco simbolico, glielo abbiamo insegnato piano piano insieme alle terapiste e adesso è quasi un campione! Grazie all’aiuto di Alessio inventa situazioni, personaggi e storie… non l’avremmo mai immaginato qualche anno fa!

Saper trasformare una situazione negativa in qualcosa di positivo

Sono una persona decisamente ottimista di natura e difficilmente mi faccio abbattere dalle situazioni avverse perché cerco, nonostante tutto, di trovare almeno una cosa positiva in quello che mi sta succedendo. Anche in questo caso, dovendo stare a casa mi sono chiesta cosa ho imparato durante questa quarantena e la risposta è stata: godere di questo momento con i bambini (anche se certi giorni mi fanno impazzire) perché sono piccoli ora. Tra qualche anno saranno chiusi in camera e saprò che sono in casa solo a ora di pranzo! Posso osservarli mentre imparano qualcosa di nuovo, posso fargli fare quei piccoli progressi che la vita di sempre, troppo frenetica, non me lo permetterebbe.

Posso sfruttare il tempo a disposizione per imparare cose nuove. E ce ne sono a pacchi, eh? Basta cercare un po’! Ho studiato cose utili e interessanti, ma ho imparato anche a fare video divertenti su Tik Tok insieme ai pargoli (mi trovate seguendo il link a TikTok).

So fare una pizza strepitosa

Dato che il mio piatto preferito è senz’altro la pizza e da quando siamo andati a Napoli me la sogno anche di notte, ho sfruttato tutto il tempo libero a imparare a fare una pizza con un cornicione alto e morbido. Il tutto grazie a una sapiente e lunga lievitazione. Beh, credo che difficilmente d’ora in poi la prenderemo da asporto!

Ho bisogno di cambiare la mia vita

Ebbene sì, eccomi qua davanti alla cosa più difficile che ho imparato in quarantena. Il periodo non è facile, non è semplice stare chiusi in casa per tanto tempo con i bambini, specialmente quando si ha anche a che fare con la disabilità, ma nonostante tutto mi sento serena. Sono felice di stare con loro e non mi sento di star buttando le mie giornate. Certo, non mi sognerei mai di mettermi a fare la casalinga perché non ci sono proprio tagliata, ma vorrei trovare un qualcosa che mi appaghi di più, che mi faccia stare col sorriso. Un ottimo scacciapensieri per me è proprio questo blog che mi sta dando tante soddisfazioni!

Voi cosa avete imparato in questa quarantena? Siete tra quelli che cambieranno la propria vita?

cosa ho imparato durante questa quarantena

 

Immagini by Pixabay

Informazioni su unafamigliablu

Donna, moglie e mamma piena di (non sempre) brillanti idee che propongo con entusiasmo a tutta la famiglia. Testarda, caparbia e inguaribile ottimista, credo davvero che ci sia sempre un lato positivo in tutto quello che ci succede e cerco sempre di trasformare le difficoltà in opportunità di crescita.
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *