Fine anno, tempo di bilanci e di buoni propositi

Non sempre mi piace ripensare all’anno appena passato, mi mette davanti a tutti i propositi non mantenuti. Spero di fare meglio l’anno prossimo anche se devo dire che non sarà facile perché l’asticella viene spostata sempre più in alto.

Com’è andato questo 2018?

Sicuramente è andato di corsa, senza mai una pausa tra mille idee, progetti e casi della vita. Abbiamo viaggiato molto e fatto molte esperienze diverse, visitando posti che desideravamo vedere da molto tempo come Berlino e la Sardegna. Abbiamo portato i bambini a Legoland e in inverno hanno provato a sciare. Per non parlare delle gite e dei weekend insieme agli amici più distanti. Ci siamo presi del tempo per noi, per rallentare e tirare il fiato senza affidarci sempre a persone esterne e ricostruire i rapporti tra di noi, che correndo non si costruisce niente. Ho capito cosa significhi avere paura davvero e come rimboccarsi le maniche senza lamentarsi troppo. Ho conosciuto persone speciali con le quali ridere tanto e sapere di poter contare una sull’altra. Altre le ho lasciate andare, senza se e senza ma e provando un senso di sollievo. Sto condividendo un percorso con donne che mai avrei creduto di conoscere ed invece eccoci qua a confrontarci, consigliarci e studiare modi sempre diversi di portare avanti la nostra passione. Ho provato ogni vitamina esistente sulla faccia della terra arrivando alla conclusione che per certe stanchezze ci voglia un miracolo. Tutto questo mi ha portata qui, un sabato pomeriggio, a pensare a come sarà il 2019.

Cosa mi aspetto dal 2019?

Sicuramente mi aspetto un po’ più di calma, almeno emotiva. Abbiamo sistemato alcune questioni rimaste in sospeso e adesso dovremmo riuscire a tirare un po’ i remi in barca. Ma ce la faremo? Quest’anno compirò 40 anni, quelli della consapevolezza dice mia madre. Io credo saranno quelli del rimettersi in gioco. Ho grandi progetti per me e la mia famiglia che richiederanno sacrifici e molta energia. Cercherò altre vitamine. Vorrei riuscire a far conoscere altri pezzi di mondo ai miei bambini, sono sempre più curiosi e iniziano a chiedere di andare in determinati posti. Naturalmente faremo di tutto per accontentarli. Cercherò di trovare sempre più tempo per giocare con loro o leggergli una storia a fine giornata, e volare con la fantasia insieme a loro. Il tempo vola, e loro verranno sempre di meno accanto a me in cerca di coccole. Non me ne voglio perdere nemmeno una. E ovviamente mi aspetto di continuare a costruirgli quelle ali forti che li porterà lontano da me. So che è un controsenso vista la frase di prima, ma è necessario. Spero di ritrovare serenità in determinati ambiti, anche se so che questo non dipende da me. Spero di iniziare ad amarmi ed accettarmi, senza pretendere l’impossibile da me stessa.

Insomma, visto così non è male né il 2018 né il 2019. Ovviamente ho omesso che mi metterò a dieta, il che rende il prossimo anno davvero durissimo!

E voi ne fate di bilanci? E di buoni propositi?

Informazioni su unafamigliablu

Donna, moglie e mamma piena di (non sempre) brillanti idee che propongo con entusiasmo a tutta la famiglia. Testarda, caparbia e inguaribile ottimista, credo davvero che ci sia sempre un lato positivo in tutto quello che ci succede e cerco sempre di trasformare le difficoltà in opportunità di crescita.
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *