Gita a Pola con bambini, una giornata meravigliosa

Durante il nostro soggiorno al campeggio Lanterna, in un giorno decisamente nuvoloso, abbiamo deciso di fare una bella gita a Pola, la città dell’ Istria molto famosa per la sua arena.

E’ stata fondata dai romani intorno al 46 a.C. ed ha sempre avuto un ruolo molto importante nell’Impero. Basta passeggiare per la città vecchia per trovare tantissima romanità ovunque; infatti i  suoi più importanti monumenti risalgono a quest’epoca.

Siamo arrivati a Pola all’ ora di pranzo e dopo aver parcheggiato per un colpo di fortuna molto vicino al centro, abbiamo iniziato la nostra gita. Ma alla pancia non si comanda e siamo andati subito a mangiare. Niente di esaltante, siamo stati da Mc Donald’s.

Siamo partiti dall’ arco dei Sergi per poi percorrere le vie romane el centro fino ad arrivare alla piazza del Foro (la principale). Volendo, salendo una scalinata in via Castrapola, si raggiunge la Fortezza Veneta che ospita il Museo Storico dell’ Istria. Noi l’abbiamo saltato visto che eravamo col passeggino. Vi dirò che spingerlo per le strade lastricate è stata una vera e propria goduria!

Continuando per le vie del centro alla fine si arriva al tanto famigerato Anfiteatro Romano. E’ stato costruito tra il 2 a.C. e il 14 d.C. sotto l’Imperatore Augusto. Per realizzarlo è stato utilizzato il materiale prelevato da cave di pietra (tutt’ora esistenti) che si trovano nella periferia della città.

Veniva usato per i combattimenti dei gladiatori e per naumachie. Oggi invece ha lo stesso uso della nostra meravigliosa Arena di Verona, ospita cioè concerti e spettacoli teatrali.

Il costo del biglietto è di 40 kune per gli adulti, i bambini non hanno pagato. C’è anche l’ingresso per i disabili (un po’ scomodo a dir la verità) ma non mi sono informata se avessero qualche tipo di priorità o sconto.

Appena si entra si rimane a bocca aperta anche perché e possibile passeggiare liberamente, e quando ci ritrova al centro si ha la percezione della maestosità di questo anfiteatro. I bambini si sono sfogati alla grande correndo in lungo e in largo un po’ dappertutto. Quello che ci ha lasciati un po’ perplessi è che è permesso andare davvero ovunque… ho visto persone arrampicarsi su colonne di 2000 anni.

Per gustarci al meglio il monumento siamo saliti sulle scalinate e quando eravamo belli e sistemati un turista ha pensato di improvvisare un breve concerto lirico… ha lasciato tutti a bocca aperta! E ho capito perché qui si tengono concerti, l’acustica è davvero sbalorditiva.

Prima di andare via siamo andati nei sotterranei per ammirare la mostra permanente “L’olivicoltura e la viticoltura dell’ Istria nell’antichità”. E’ stato interessante vedere la ricostruzione delle macchine per la produzione di olio e di vino e le anfore usate per il loro trasporto.

E’ stata davvero una bella visita, ma ormai era arrivato il momento di tornare verso la macchina. Sulla strada del ritorno ci siamo fermati ad ammirare una bellissima pianta di Pola in 3D fatta di bronzo con annessa una fontanella… magnetica!

Passeggiando ancora per le vie del centro non ho potuto che notare da miriade di bar, bistrò e ristoranti e dai profumini non sembravano niente male! Ma soprattutto i negozietti di artigianato, souvenir, vestiti, bigiotteria, borse… il paradiso delle signore! Purtroppo con tre maschi al seguito non ho potuto dar libero sfogo alla mia sempre presente voglia di shopping… sarà per la prossima volta.

Insomma, Pola merita una visita e sono sicura che piacerà sia a voi che ai vostri bambini, soprattutto fare delle belle corse dentro l’arena!

 

 

Informazioni su unafamigliablu

Donna, moglie e mamma piena di (non sempre) brillanti idee che propongo con entusiasmo a tutta la famiglia. Testarda, caparbia e inguaribile ottimista, credo davvero che ci sia sempre un lato positivo in tutto quello che ci succede e cerco sempre di trasformare le difficoltà in opportunità di crescita.
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Un commento

  1. Pingback:Weekend a Premantura con i bambini, la Croazia ancora selvaggia - Una famiglia blu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *