Maschera Easybreath di Decathlon, ideale per lo snorkeling dei bambini

Dato che questo è il periodo dell’anno in cui si inizia a pensare alle vacanze estive o si sta per partire verso mete calde (se siete tra i più fortunati) credo che sia il momento giusto per parlarvi della maschera Easybreath di Decathlon che abbiamo provato la scorsa estate durante le nostre vacanze in Sardegna, grazie ad una collaborazione con Decathlon Italia.

Dallo scorso anno, infatti, sono in commercio anche le maschere Easybreath Junior, perfette per i bambini dai 6 anni in su. Purtroppo Alessio non li ha ancora compiuti, e Decathlon ha voluto omaggiarlo ugualmente con una maschera da snorkeling tradizionale; dire che era super contento è poco!

maschera da snorkeling decathlon

Le caratteristiche della maschera Easybreath di Decathlon

Easybreath è la prima maschera integrale da snorkeling del mondo, ed è un prodotto davvero innovativo nel suo genere. A differenza delle tradizionali maschera e boccaglio, con essa si può respirare sott’acqua normalmente perché ricopre interamente il viso, e offre un campo visivo panoramico a 180°. Non c’è rischio che si appanni e, aderendo perfettamente al viso, evita l’entrata di acqua.

È una maschera adatta a tutti, tranne per chi ha la barba perché non permette una perfetta aderenza del facciale in silicone che evita l’entrata di acqua nella maschera.

Bisogna stare attenti a due cose: non ci si può tuffare e non si possono fare immersioni perché non si può in alcun modo compensare.

Il mio consiglio spassionato è quello di andare a provarla in uno dei punti vendita per vedere l’effetto che fa, e poi magari comprarla online sul sito di Decathlon perché in negozio non ci sono sempre tutti i colori disponibili. Inoltre nella pagina della maschera Easybreath Junior trovate tutti i dettagli tecnici e le FAQ, per dissipare ogni vostro dubbio.

Maschera Easybreath di Decathlon: facile da usare

Una delle caratteristiche principali della maschera Easybreath di Decathlon è la facilità d’uso. Basta indossarla sul viso e regolare gli elastici (larghi e in tessuto) che si trovano sui lati e il gioco è fatto. Lei aderisce perfettamente al volto e si può iniziare lo snorkeling. Anche Marco riesce ad indossarla in autonomia e, dopo l’iniziale difficoltà, tutte le altre volte l’ha sistemata da solo in pochi secondi. Un grande pregio della Easybreath è che gli elastici non tirano i capelli come fanno le maschere tradizionali, e per noi donne basta fare una coda e stare attente che la frangia non vada tra la maschera e la fronte per evitare di far entrare acqua.

Nel video qui sotto vedete la velocità con cui la indosso.

La nostra esperienza con Easybreath

L’abbiamo usata durante le nostre vacanze in Sardegna del sud, là dove il mare è trasparente e i pesci abbondano, quindi fare snorkeling è davvero bellissimo.

La prima volta che l’ho indossata, devo essere sincera, mi sono trovata un po’ spiazzata perché non ero per niente abituata ad una visuale così ampia sott’acqua ed avevo un po’ di timore che entrasse acqua. Dopo poco mi sono tranquillizzata e mi sono goduta l’esperienza al 100%, ascoltando il mio respiro e facendo uno snorkeling decisamente rilassato. Il bello è poter stare molto tempo in acqua senza bere involontariamente, senza che si appanni la maschera, e senza il fastidio in bocca che dà il boccaglio del tubo. Inoltre, è possibile anche parlare sott’acqua (ai mariti non so se piacerà questa cosa) ed è stato bello fare snorkeling con Marco mentre mi raccontava quello che vedeva.

Un accessorio molto carino che si può abbinare alla maschera Easybreath, che trovate sempre da Decathlon naturalmente, è il supporto per la action cam. Se vi piace fare dei video e volete le mani libere è un ottimo accessorio, noi l’abbiamo provato e ci siamo trovati molto bene.

Ci sono solo lati positivi? Beh, per la maggior parte direi di sì. L’unico aspetto negativo che posso trovare è l’ingombro della maschera Easybreath. Infatti, per noi che viaggiamo solo col bagaglio a mano, ci siamo trovati con una valigia occupata solo dalle maschere e per la prima volta dopo molto tempo abbiamo dovuto imbarcare in stiva una borsa. Un piccolo cambiamento per noi ma ne è valsa proprio la pena!

La maschera Easybreath è adatta ad un bambino autistico?

Lo capirete subito, in negozio, se è la maschera da snorkeling che fa per lui. Vi consiglio infatti di andare a provarla per vedere la sensazione che avrà nell’indossarla; occupando tutto il viso infatti può essere che vostro figlio non si trovi bene, che abbia una specie di senso di claustrofobia. Ci si deve un po’ abituare all’inizio, anch’io sul momento ne sono rimasta spiazzata. Il bello della maschera Easybreath è che non c’è bisogno di saper usare il boccaglio, competenza che non è sempre facile da acquisire, ma si respira naturalmente, dando la possibilità a tutti di ammirare i fondali marini.

Ormai la maschera Easybreath di Decathlon è sempre nelle nostre borse mare e Marco la usa tantissimo e in autonomia. Aspettiamo quest’estate per prenderla anche ad Alessio, che non vede l’ora di poterla provare. Voi la usate? Cosa ne pensate? Scrivetemelo nei commenti.

 

Post scritto in collaborazione con Decathlon Italia

Informazioni su unafamigliablu

Donna, moglie e mamma piena di (non sempre) brillanti idee che propongo con entusiasmo a tutta la famiglia. Testarda, caparbia e inguaribile ottimista, credo davvero che ci sia sempre un lato positivo in tutto quello che ci succede e cerco sempre di trasformare le difficoltà in opportunità di crescita.
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *