Sciare in Alta Badia: i nostri consigli per risparmiare

Quando ero bambina andavo sempre in settimana bianca in Alta Badia con la mia famiglia e ho dei ricordi bellissimi di quei giorni: sciare tutti insieme, la scuola sci dove ho conosciuto tanti bambini, tantissimi chilometri di piste di tutte le difficoltà, impianti all’avanguardia… era difficile poi “tornare alla realtà” delle piste (seppur bellissime) vicino casa. Perché la Val Badia è diversa.

Per molti anni non ho sciato (tipo 20) ma ci tenevo che Marco e Alessio imparassero perché a me piaceva tanto. Quando 2 inverni fa li ho guardati andare su e giù per la pista a Sappada per tutto il pomeriggio mi sono ripromessa di rimettere gli sci ai piedi perché se volevo che imparassero a sciare dovevo andare insieme a loro su altre piste. A quel punto anche Andrea si è deciso e l’anno scorso ha iniziato a sciare.

In autunno ho proposto di andare a sciare in Alta Badia perché secondo me ci saremmo divertiti tanto, ci sono piste per tutti i livelli  di sciatori, basta studiare bene la cartina!

Ed eccoci quindi  al succo del discorso: come riuscire a sciare in Alta Badia risparmiando almeno un po’. Qui sotto come ho fatto io.

Dove alloggiare in Alta Badia per risparmiare

Certo, anche a me piace moltissimo andare in albergo e trovare la colazione pronta, e magari anche la cena se si sceglie la mezza pensione. Questa soluzione però è molto fuori budget per noi, che quando viaggiamo scegliamo quasi sempre l’appartamento.

Per trovare una sistemazione economicamente accettabile ho cercato davvero tanto, lo ammetto, e l’ho fatto con date aperte e in bassa stagione. Mi sarebbe piaciuto andare via per carnevale così i ragazzi non avrebbero perso scuola ma non era fattibile quindi abbiamo scelto di fare da domenica a mercoledì di fine gennaio, in bassa stagione.

Ho cercato su tutti i classici siti e anche su quelli specifici dell’Alta Badia e alla fine l’appartamento l’ho trovato  su Airbnb ed era tra Corvara e La Villa, a due minuti dagli impianti e a pochi passi dalla fermata dell’autobus.

Quale skipass scegliere in Alta Badia

Qui trovate il vero consiglio, è dove abbiamo risparmiato di più.

Lo skipass in Alta Badia è caro, inutile girarci intorno. Vale la pena fare quello classico, per me, se si scia davvero tutto il giorno e ad un buon livello, altrimenti non lo si riesce a sfruttare completamente e sarebbe un inutile spreco di denaro. Per risparmiare su questo tipo di skipass si può comprarlo online con uno sconto del 5%.

Noi siamo degli sciatori tranquilli, anche se l’ultimo giorno abbiamo sciato un sacco per i nostri standard. Avevo fatto la simulazione di  quanto mi sarebbe costato lo skipass per tutti per 4 giorni ed è uscita una cifra importante: 898 euro. Troppo. Allora ho letto bene tutto quello che ho trovato nel sito dedicato agli skipass ed ho optato per la tessera a valore. Cos’è? È la classica tessera a punti. Ogni impianto di risalita ha un determinato valore in punti che vengono scalati ad ogni passaggio. Ci sono 3 “tagli” e ovviamente più si carica più sconto viene applicato. È cedibile, infatti noi ne abbiamo fatte due e le gestivamo Andrea ed io. Avevo fatto un calcolo sommario di quanti punti avremmo consumato in un giorno quando cercavo di capire quale tipo di skipass ci conveniva fare e mi sono avvicinata abbastanza solo il primo giorno. Poi ci abbiamo preso gusto e abbiamo sciato un sacco, fino a quando tenevano le gambe.

Per monitorare i punti residui basta guardare il display quando si passa lo skipass oppure, ancora più comodamente, dall’applicazione My Dolomiti dove dovrete registrare la vostra tessera per tenere conto dei punti residui e per tracciare la vostra performance sciistica.

In tutto abbiamo fatto 2 tessere da 2100 punti il primo giorno spendendo 300 euro. Dato che stavamo diventando sciatori provetti e non volevamo rimanere “a piedi” in cima a qualche monte, abbiamo fatto altre due tessere da 1000 punti al costo di 160 euro. Il totale fa 460 euro che è circa la metà di quanto avremmo speso facendo lo skipass classico. Niente male vero? La tessera scade nella stagione in cui è stata emessa ed è possibile usarla in tutto il comprensorio Dolomiti Superski.

Come risparmiare sull’attrezzatura da sci

Per chi come noi è solo uno sciatore della domenica (e non tutte le settimane) consiglio il noleggio stagionale. Chiedete di giro se nelle vostre città i negozi di attrezzature sportive lo fanno, al limite sappiate che anche Decathlon offre questo servizio e alla fine dei conti si risparmia in tempo e denaro. Potete partire quando vi pare e per dove volete senza la scocciatura di trovare prima un noleggio sci nelle vicinanze degli impianti.

Certo, dovete avere il portasci, ma quello è  una spesa che si fa una volta per sempre.

Dove mangiare in Alta Badia

Ecco, questo proprio non ve lo so dire perché noi, stando in appartamento, abbiamo sempre mangiato a casa (anche perché eravamo distrutti dalla stanchezza) e a pranzo mangiavamo un panino con vista spettacolare. Non volevamo fermarci in rifugio per non perdere troppo tempo anche se con i profumini che c’erano nell’aria abbiamo quasi ceduto…

Come raggiungere gli impianti di risalita in Alta Badia

Se non volete spostare la macchina c’è un comodo skibus che vi porterà davanti agli impianti di risalita, altrimenti ci sono i parcheggi a pagamento. A Corvara costa 8 euro il giornaliero, a San Cassiano 10 euro. Il tutto pagabile con il bancomat.

Non abbiamo la bacchetta magica e comunque sciare continua ad essere un’attività molto costosa, soprattutto per una famiglia. Ma noi l’adoriamo. Per me sciare significa libertà, benessere, felicità. Scio e mi diverto, svuoto la testa. È un vero toccasana.

Spero di esservi stata utile, se avete altri consigli scrivetemeli nei commenti.

 

Informazioni su unafamigliablu

Donna, moglie e mamma piena di (non sempre) brillanti idee che propongo con entusiasmo a tutta la famiglia. Testarda, caparbia e inguaribile ottimista, credo davvero che ci sia sempre un lato positivo in tutto quello che ci succede e cerco sempre di trasformare le difficoltà in opportunità di crescita.
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *