Visita al Tropicarium Park di Jesolo con bambini

Ho saputo del Tropicarium Park di Jesolo (vedi sito) grazie ad un’inserzione su Facebook ed ho subito pensato che potesse essere una buona meta per passare un paio d’ore in una domenica d’inverno. Prima di andare ho contattato l’organizzazione che cura il Tropicarium Park per sapere se fosse adatto anche a persone con autismo. Mi ha risposto la signora Monica che con gentilezza ha fugato ogni mio dubbio. Così abbiamo deciso di andare assieme ad una coppia di nostri amici.

L’ingresso per persone con disabilità è gratuito e l’accompagnatore paga il biglietto ridotto.

Il parco si divide in 3 temi (e 3 entrate diverse, quindi custodite gelosamente il biglietto che vi viene dato all’ingresso!): Tropicarium, Aquarium e Predators.

Tropicarium

 

Qui ci sono tantissime tartarughe, gechi, rane, rospi e animali tropicali in genere. Il percorso è abbastanza lungo, infatti Marco a metà era già più che stufo, anche perché non ama molto quel genere di animali. Alessio invece è molto curioso e si è fermato a guardare ogni singola tartaruga e cercare ogni singolo geco si trovasse in ogni teca!

Ma quando siamo arrivati alla vasca dei pinguini tutto il resto è stato spazzato via! Siamo rimasti incantati dalla loro velocità nell’acqua, sono davvero dei missili! Siamo stati a guardarli divertiti per un sacco di tempo e non è stato per niente facile portare i bambini via da lì.

C’è anche uno spazio dedicato alle farfalle, che io amo, peccato che non abbiano riscosso successo tra i miei figli!

Poi è stata la volta di iguane, serpenti e ancora tanti pesci.

Dopo questa prima parte abbiamo fatto una piccola pausa-merenda e libero sfogo per i pupi, per passare poi al percorso successivo

 

 

Aquarium

Questo percorso è decisamente più breve e coinvolgente e ci sono tantissimi tipi di pesci, anche i più amati dai bambini. Infatti ci siamo divertiti a cercare Nemo e Dory (e tutti i loro parenti) e tutti gli altri protagonisti del cartone.

Predators

Nell’ultimo percorso ci sono gli squali. Anche qua abbiamo passato un bel po’ di tempo ad ammirarli, avevano un nonsochè di rilassante dato che tra noi e loro c’era un bel vetro spesso! Ed infine i coccodrilli (uno davvero gigantesco!)

 

 

A noi il Tropicarium Park è piaciuto, abbiamo visto animali strani, particolari, ed i bambini sono rimasti colpiti soprattutto dai pinguini e dagli squali. Merita la visita!

Consigli autism friendly

Il Tropicarium Park è diviso in 3 percorsi, ed il primo in particolare è piuttosto lungo. Il corridoio poi è abbastanza stretto e se c’è tanta gente potrebbe risultare fastidioso. Marco infatti non ha apprezzato molto la prima parte, ma dando un’occhiata veloce abbiamo poi aspettato nei corridoi esterni dove lui si è distratto scattando delle fotografie. Gli altri 2 percorsi, essendo più brevi, sono stati più gestibili e per Marco più interessanti.

Se avete qualsiasi dubbio contattateli, con noi sono stati davvero disponibili!

Informazioni su unafamigliablu

Donna, moglie e mamma piena di (non sempre) brillanti idee che propongo con entusiasmo a tutta la famiglia. Testarda, caparbia e inguaribile ottimista, credo davvero che ci sia sempre un lato positivo in tutto quello che ci succede e cerco sempre di trasformare le difficoltà in opportunità di crescita.
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *